Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 343
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0351
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0351
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l’ Architettura. 34S
non che non dà ivi quello edifizio il bello
aspetto che dà a Yicenza, per non essere
posto in alto in sito arioso, e dove ciasche-
duna delle sue logge guardi qualche fresco
sito ed ameno .

Ma già così non facciamo noi. Fu pro-
posto a papa Glemente XII. quando e’vol-
le rivestire difacciata di s. Giovanni de’fio-
rentini, di valersi del disegno che Miche-
lagnolo avea fatto per san Lorenzo in Fi-
renze, il quale si adattava per l'appunto ai
quella chiesa ; ma ne fu distolto da chi gli
rappresentò, che quel disegno avea troppo
dell’antico, ed era troppo diyerso dalla mo-
derna maniera .

E se eglino hanno da far dipingere i sof-
£tti delle loro stanze, crede ella forse che
piglino uno di que’tanti eroi usciti dal ca-
yallo trojano deiBibbiena? Sono così sem-
plici, che si contentano della barbogia an-
tichità; e faranno copiare ne'sofsitti delie
grottesche tolte da’sotterranei diBoma, del-
le quali si fa grande incetta in quello eru-
dito paese. Mi sovviene di avere giocato
assai volte al FFhisk, di avere pranzato con
delle vittoriine in capo con dei rabeschi e

Y 4 del-
loading ...