Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
544 Lettere sopra

cìelle pitture, quali ayerne doveanò nelle

loro sale i Mecenati i Gorofsj i Pollioni.

Ma io fo punto per pietà che ho di lei.
Non vorrei aprirle un paradiso, a cui ella
è troppo da lungi, e che non potrà forse
vedere de’suoi dì. Ma se ella vi giungesse
mai, ben so, che da coloro che ne hanno
le chiavi vi sarebbe accolto con gran festa,
e vi avrebbe quel luogo che merita la ca-
sùtà del suo gusto, e la tanta sua virtù.

.Ypvcs/l J~c .
loading ...