Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 361
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0369
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0369
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
36i

re la Galleria de’quadri , la quale il Re
ogni giorno arriechisce emulando i grandi
esempj de’Cesari, de’Carli Y, de’Frances-
chi I , e de’Leoni X , la culta politica de’
quali dettava , giovar la pittura al Fiore ed
alla felicità degli stati . La Galleria reale
di Dresda è numerosa e serbansi in essa
di eccellentissimi quadri . Dio mi guardi
dal pensare di prescriver liiniti alla muni-
Jficenza del Re , ed all’avanzamento delle
belie arti ; ma chi volesse avere quadri di
ogni pittore noto, sarebbe opera quasi che
infìnita , benchè intrapresa , e di poco per
avventura non condotta a fìne dal defon-
to duca d’Orìeans . Quello che il Re vor-
rà senza dubbio , sarà acquistare ancora al-
cun quadro di autore insigne , che potes-
se mancar nella galleria , e quadri massi-
rne noti nella storia delia pittura , e cele-
brati dagli scrittori di essa , o degnamen-
te consecrati per cos'i dire dalle stampe ,
come havvene in Italia, e da vendere, se
trovassero cornpratori, i quali sono i gio-
ielli. delle gallerie , e sarebbono , come al-
tri che vi son già in quelia di Dresda, il
diamante verde q l’onice di quel tesoro .

Dopo
loading ...