Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 381
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0389
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0389
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
381

La testa di Alessandro si prenderà dalle
medaglie, e gli ornaraenti e l’espressioni
nasceranno agevolraente dalla feconda fan-
tasia del sig. Gio: Batista, il quale con tan-
ta gloria di Yenezia fa risorgere a’dì nostri
le grazie la vaghezza, e tutta la magniiì“
cenza del gran Paolo veronfese .

Quarto . L'incontro e l’innamoramento ctì
Aìizia, e di Abrocome, pel sig. Jacopo
Amigoni .

Abrocome era un giovanetto d’ Einso di
nna bellezza tale_, che toglieva adoratori e
culto alio stesso Dio d’Amore ; ed Anzia
terrà tra le fanciulle il primo luogo , co-
me Abrocome fra i garzoni . Si trovavan
tutti e due ad una festa di Diana , che si
celebrava non luiigi da Efeso l’uno condu-
cendo la banda de’garzoni, l’altra delle
fanciulle ; festa in cui costume era che
queste si provvedesser di marito, corae quel-
li di moglie .

Ivi fu che Amore fece le sue vendette
contro Abrocome , perchè il fè invaghire
della beìla Anzia , a segno che le sue di-

sgra-
loading ...