Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 4
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0012
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0012
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
T £ R Ε

4 L Ε τ

Vita condita da’piaceri della mente : e hen
si puô dire con quei poeta , che a qüesto
cene non manca nè Lambert nè Moliere »
Io do l’ultima mano a’miei dialoghi , che
pur han trovata inolta grazia innanzi gli
occhi cosi della bella Emilia, come del dot-
to Yoltaire : e cla essi sto raccogliendo i
bei modi della conversazione, che vorrei
poter trasfondore nella mia operetta , Ma
ecco che da questa provincia io le mando
cosa, che clovrebbono aver pur cara cote-
sti signori inter beatce fumum et opes stre-
pitumque Romœ . Le mando il Giulio Ce-
sare del nostro Yoltaire , non alterato o
guasto , ma tal quale egli usci dalla penna
dell’autor suo . E mi pare esser certo, che
a lei dovrà sommamente piacere di scor-
gere in questa tragedia un nuovo genere
di bellezza , a che puô essere innalzato il
teatro francese . Sebbene troppo la nuova
cosa parrà cotesta a quelli, che credono
dopo la morte di Cornelio e Lacine spen-
ta la fortuna di esso, e nulla sanno vede*
re al di là delle costoro produzioni. A chi
un tempo fa sarebbe caduto nel pensiero,
che restasse da aggiungere nulla alla musi-

ca
loading ...