Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 6
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0014
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0014
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
B L E T T E R E

i più bei ragionamenti del mondo se ne
varino quasi sempre con la peggio , quan-
do eglino hanno a combattere opinioni av-
valorate dali’usanza e dal'l’ autorità di quel
sesso , il cui imperio si stende sino aile
provincie scientifiche . L’ amore è signor
despotico delle scene francesi ; e una tra-
gedia , dove non han che far donne , tut-
ta sentimenti di libertà e pratiche di poii-
tica, non darà naturalmente neila cruna
di gente avvezza ad udire Mitridate fàre il
galante sul punto di muovere il carnpo ver-
so Pioma, e a vedere Sertorio e Regolo da-
merini . Nè sarebbe da farsi maraviglia,
che il Gesare del Yoltaire corresse la me-
desima fortuna a Parigi, che Temistocle,
Alcibiade e quegli altri grandi uomini del-
la Grecia corsero in Atene , ammirati da
tutto il monclo , e sbanditi dalla loro pa-
tria .

In questa tragedia il Yoltaire ha preso
ad imitare la severità del teatro inglese,
e singolarmenre Shakespeare , in cui dicesi,
e con ragione , che ci sono errori innu»
merabili e pensieri inimitabili ; faults in-
numerable, ancl thougts inimitable : dei ch@

è ima
loading ...