Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 8
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0016
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0016
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
E

8 L E T T E R

sapere i Francesi non piccioio grado ad
uno , che in certo modo arricchisce ii lo-
ro Parnaso di una sorgente novella : tanto
più che grandissima è-la discrezione , con
che il nostro poeta secesi ad imitare ii
teatro inglese , trasportando nel suo la se-
verità di quello , e non la ferocità . Nel
che egli ha di gran lunga superato Addis-
sono, il quale nel Catone ha mostrato agP
Inglesi non tanto 3a regolarità del teatro
francese, quanto la sconvenevolezza di que’
suoi ainori : e con ciô è venuto a euasta-

O

re uno dei pochissimi drammi moderni ,
in cui lo stile è veramente tragico , e i
Romani parlano romano e non spagnuolo »
Ma quando non si storcessero contro a
questa tragedia per altro motivo , lo sareb-
hono almeno perch’è di tre soli atti . Ari-
stotele in vero parlando nella Poetica del-
la lunghezza dell’azion teatrale, non si spie-
ga cosi chiaramente sopra il numero degli
atti in che vuolsi dividerla . Ognuno perô
sa a mente quei versi della Poetica îatina,
Ne ve minor, neu sint auinto productior actu
Fabula, quce posci vult, et spectata reponi;
precetto clie yiene da Orazio prescritto non

meno
loading ...