Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 10
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0018
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0018
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2 0 L E T T E K E

io ben mi ricordi ; ma il Ciclope d'i Euri-
de non contiene che soli ottocento yersi »
T’anto poco e’ scrupuleggiayano snlla lun-
ghezza degli atti che da noi si yogliono-
assai più pieni .

Ma che mi distendo io in parole sopra*
tali cose con lei ? Pollio et ipse facit no-
'vci carmina . A lei sta il difünire, se il
Voltaire , siccome egîi ha aperto tra’suoi
Lina nuova yia , cosi ancora ne sia giunto
al termine . E che nou yien ella a Cirey
a comunicarci in persona le dotte sue ri-
Eessioni ; ora massimamente che siauio as-
sicurati, essere per ia pace già segnata com-
poste le cose di Europa ? Niente allora qui
mancherebbe al desiderio mio , e a niuno»
ha Parigi potrebbe parer nuoyo , che io mï
ïimanessi in una provincia »
loading ...