Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 13
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0021
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0021
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R I E . l5

deîF Universo ; poche alFincontro sono ie
sottigliezze di scienza in cui siate astretîo
versare , e gli argomenti , co’quali ferma»
te le vostre opinioni non hanno in sè una
tal eertezza, che la contenzione e la viva-
cità del dialogo ne vengano ad essere of-
fese .

Dove io al contrario, scarso delle tante
doti del vostro ingegno, ho intrapreso di
far piacere îa verità correclata da tutto
quello, che è necessario per dimostrarla ,
e di farla piacere anco a quel sesso , che
mostra amar meglio di sentire che di sa-
pere. II soggetto de’ miei Dialoghi è la
luce e i colori soggetto bello e ridente
si, ma nè cosi maraviglioso per sè come
i vostri mondi sono , nè tampoco si am-
pio. Moîtissime poi sono le sottigliezze di
scienza , in cui pur m’ è forza versar qua-
si che di continuo : ed i miei argomenti
ogni contenzione escludono, che è pur F
anima del dialogo ; e recano in sè queila
certezza , che nulla lasciando alF arbitrio
altrui, sembra avere , come disse colui ,
non so che dello scortese, Che se dovero-
sq em che la leggiadra gente, la qual s’

ac-
loading ...