Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 15
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0023
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0023
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Τ Α R I Ε· » ϊ5

con diîetto il viaggiatore, che aìtrimenti
non vegga dinanzi a sè la strada che ha
da correre . Niuna cosa in oltre ho credtr*
lo doversi ommettere, o sia storia delhin-
venzioni ottiche , o sia discmssioni metafi-
siche intorno alle qualità sensibili , e al
vedere ; diversità di filosofìche opinioni ,
obbiezioni fatte a fondamentali esperienze,
o tali altri episodj alla materia connessi,
onde tor via certa unisormità, che nelle
migliori cose eziandio tanto è aila sazietà
ed al fastidio vicina . Nè ho tralasciato di
cniamare in sussidio della fìlosofia il leno-
cinio deìl’ arte drammatica, onde giocon-
da , per qnanto sna natura il consente , la
fìsica divenisse, e tale che altri prendesse,
se è possibiìe , nella esposizion delle sue
dottrine quella parte, che negli avveni-
menti di teatro prender si suole. E però
m’ è piaciuto porre una maniera di natu-
ral varietà, o di catastrose , nelle fìlosofi-
che opinioni della mia Marchesa , che in-
vaghita sul bel principio del cartesianismo,
si volge dappoi alla sentenza de’ Mallebran-
chisti, ed è in ukirno forzata di abbrac-
ciare il sistema di Neutono, che, quasi

prin-

/
loading ...