Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 18
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
18 Lettere

cliè sull’ orme di ser Bruneîto o dî fra
Giordano, io dovessi scegliere , anzi che
di favellar colle dame deli’ età nostra , di
parlare i miei parlamenti alle üorentine
monne del mille e trecento .

Tale si è il modo , valoroso Signor ιηΐο,,
secondo cui m’ è parso dover procedere
nella composizion di quest’opera; il che
altri vedrà se io ho adempito , e voî più
ch’altri , dotto egualmente ne’sermoni del-
la nostra lingua, che vi siate maestro d’
ogni bello dire nella vostra .

Comechè sia, le nostre dame, a risguar-
do delle quali quest’opera è in grandissima
parte dettata, dovranno pur sapermi alcun
grado , se io avrè almeno immaginato per
esse un novello genere di piacere, e se
avrè loro trasmesso di Francia la moda dl
coltivar la mente , più tosto che una no-
vella foggia dello arricciare i capelli . E
nel vero dovrebbono i viaggiatori essere î
trafhcanti dello spirito , e i concambiatori
delle mutue dovizie , onde anco in questo
fatto è una nazione avvantaggiata più che
un’ altra . Felice quella società , dove 1 a
fantasia italiana col sapere inglese, e coi-

la
loading ...