Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 23
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0031
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0031
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ύ Α Ά î Ë . aS

le, ci si può ripescare a un bisogno la ge-
nealogia di Achiile medesimo . Ora , rìpi-
gliò il primo , erano soliti gli antichi, non
senza profondo intendimento , fìgurar ì’anh
rna sotto la immagine di una farfalla ; sia
che , secondo il sistema platonico, facesse-
ro Γ anirna immortaìe , o yeramente , se-
condo Pitagora, tenessero la metempsico-
si : e il dotto maestro , posta una farfalìa
sul bicchiere che è ricettacolo del yino ,
ha voluto darci ad intendere , cjualmente
iì vino è secondo verità ì’anima deìle ta-
vole dei conviti . Senza che il vino essen-
do divino in sentenza di Omero , e l’ani-
ma in sentenza di Orazio una particella
dell’aura divina, troppo è manifesta ìa con»
formità che hanno queste due cose tra ìo-
ro . Di più chi volesse pigliar ìa farfalla ,
non già nel senso allegorico che le danno
i mitologi, ma secondo la propria sua na-
tura quale ci è descritta da’ fìsici , troverà
che sul bicchiere la ci sta a pennello .
L’uomo, verme della terra , in mezzo alle
xniserie umane è dalla fìlosofìa , che gli
predica il ritiro e la insensibilità , ridotto
alla inazione al torpore della crisalide . E

B 4 dalla
loading ...