Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 28
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0036
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0036
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
zS L E T T E R E

porta via ; V, E. scolpisce nel marmo più
duro alla più remota posterità . Eila non
si stanchi di prnare il secolo con novelli
frutti della profonda sua dottrina , e mi
creda quale con la maggior gratitudine, e
col più profondo rispetto ho l’onore di sot-
îoscrivermi .

★ ★ CZ5 k Ό- k k C5 k C5 k k C5 k CD k Ό kCt^k

A L S 1 G N O R

FRANCESCO M.A ZANOTTl

A BOLOGNA.

Torino 16. febbrajo

Egli è pur vero , che più si spera queh
lo che più si desîdera. Non ostante le let-
terarie vostre occupazioni, io ini andava
pure lusingando di vedervi qui, e che voi
avreste tenuto compagnia al nipote , che
non è già egli stato sordo al mio invito .
Quas ego per terras, et quanta per cequora
'vectum
Excipio /

avre-
loading ...