Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 29
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0037
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0037
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A Pt I E « 29

àvreste voi potuto ben dire ; ed io vi avreî
forse contato cose , che a voi non sarebbe
stato discaro Tudirle , Ben vorrei venire a
contarvele a Bologna ; ma io non posso ora
fare la vita secondo i voti e i desiderj
miei. Preveggo, cîie mi conyerrà ben pre-
sto ailontanarmî ancor più da voi, ripassar
îe alpi , e fare una marcia sino in Sîesia*.
Di ciô che è per avvenire parmi che mî
rendan certo

Jü le cose presenti, e ie passate.

Ma non andrà gran tempo che il farô . Ad
ogni modo mi pîacerà sempre di aver ri»
salutato la Italia , di avere ammirato da vi-
cino un principe che ne è la gîoria, e per
cui non si avrà più da dire, che cîel non
suo ferro cinta

Pugna col braccio di straniere genti
Per servir sempre o vincitrice, o vinta »

Mi piacerà di aver rinfrescato in Torino
ia memoria de’Prussiani, che tanto già con-
tribuirono a liberarla ; e che per mezzo mîo
abbiano insieme comunicato due principi,
l’uno del settentrione, Paltro del mezzodz,

e che
loading ...