Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 33
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0041
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0041
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R X E . 33

tliu pubblica . Ma la disficoltà stava nel
dare alle mie parole una qualclie sembian-
'za delle sue acciocchè la composizione
non avesse poi viso di un panno tessuto
parte di seta e parte di lana . Ella dovrà
dunque non dirô condonare il mio ardire,
ma dolersi meco della necessità da cui so-
no stato stretto di dover comparire in liz-
za con esso lei ; che non è il più leggie-
re sacrihzio che unc* possa fare dell’amo-
re di sè medesirao : tanto più che mi è
stato anco mestiero aggiungere una licen-
za che è un genere di composizione tut-
to suo .

A ogni modo se îo son reo , le confes»
so la mia colpa , e le mando volontaria-
mente nelle annesse carte i documenti on-
de forrnarmi il processo : e se questa mia
lettera non le puè dire abbastanza quan-
to a ritroso io abbia preso a guastar la Di-
done , si spero poterglielo dire îo stesso â
voce al mio arrivo in \'ienna, che sarà clî
corto ·. Volendo pur riveder Γ Italia , iô
prenderô certamente il cammino per co-
testa novella Pioma ,

che V Istro bagna con le rapid’ onde ,
*Γο: IX. G e chô
loading ...