Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 40
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0048
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0048
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
qO L E T T E R E

la lia giâ disegnati, Sofocie Euripide Ari-
stofane e Menandro , le statue de’ quali
avranno senza fallo tenuto il primo luogo
tra quelle, che onoravano il teatro di Ate-
ne : ed è ancora fuor di ogni dubbio che
le nicchie dei Francesi hanno da essere oc-
cupate da Coimelio Piaciire Quinauit e Mo*
liere . Due nicchie tra’Latini saranno nic-
chie adattatissime per Plauto e per Teren-
zio . Ma Seneca per la terza nicchia , ella
mostra di non esserne gran fatto persua-
so ; come nol sono se ho a dirla schiet-
tamente ? nè anche io . Sebbene, per la
povertà del Lazio in tal genere di scritto-
rx, non si vorrebbe scrupoleggiare più che
tanto . Che non ci mette ella in quel cam»
bio Publio Siro o Laberio primarj autori
de’mimi, che andavano pur anche a gusto
di Giulio Cesare ? quando non le facesse
obbietto quel versetto di Orazio

nam sic

Et Laberi mimos, ut pulchra poemata mirer,

Nella quarta nicchia che rimane ci collo-
cherei Vario autore della celebre tragedia
del Tieste , che per la malignità del tem-
loading ...