Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 42
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0050
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0050
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4s L E T T E H E

garbeggiavano gran fatto , com’ella sa, i
sali plantini . Yerrà terzo il Tasso per la
favola pastorale deii' Aminta ; se già ella
non amasse meglio, che nol credo, il Gua-
rini per la tanta fama di quei suo Pastor
fido , divenuto , per cosi dire , ü Donatel·
lo del bei sesso . B.esta la quarta nicchia ^
la quale al certo non potrebbe venir rne-
glio occnpata che clai Metastasio ; e a lui
darà volentieri la rnano il Rinu-ccini il più
antico autore di drammi per musica , co-
Eie Tespi la darebbe a Sofocle . Queste
statue convenientemente vestite con di bel·
le maschere antiche , e eon qualche stru-
mento a’ piedi , sara.nno alia fabbrica dl
non picciolo ornamento . Edificata che sia
anche Taccademia di una sirnile architet-
tura, e per fianco al teatro , sarà molto
bello vedervi sçolpita intorno per simil mo«
do la storia f a parlar cosi, deîla filosoila ;
e vedere Leibnizio MoSiere Ne-utono Euri-
pide Galilei e Terenzio trovarsi insieme 3
e aversi dato convegno nel foro di Federi-
go ; che cosi potrà chiamarsi cjuelìa piaz-
za , massiinamente alîora che a riscontro
deil’ accademia e del teatro ella sarà chiu-

sa
loading ...