Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 55
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0063
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0063
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V Α ït ï Ë .

A L S I G N O B,

 LESSANDRO F A D R I

A BGLOGNA.

Paluello 8. maggio

V edete a che fidanza si debba stare del-
le cose che la fama divolga . La gazzetca
de’passati giorni mi vuole in Dresda tutto
involto negli afsari politici ; quando da un
anno in qua io me la fo in Yenezia co’
miei iibri . E yoi ( vedete ancora , quanto
vanno errati i*' giudizj degli uomini ) mi
credete concentrato nella bl.osoba ; quando
io me la passo con le belle lettere . Leg-
gete questa cosa che vi scrivo ; e vedrete
quello che io fo dire in nostra lingua al
dottor Swift, il quale su chiamato, e non
a torto , il Luciano deiblnghilterra .·

'k

*

) 'k

u 4
loading ...