Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 58
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0066
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0066
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
■58 L E T T E R E

errore > e simili ad Issione , in vece di Gîn-
none stringono una n \ vola ; o come il ca~
ne della favola , ingannati dall’ ombra la-
sciano andare la reahtà . Conciossiachè ta-
ïi opinioni non possono far presa ; rna , co-
me il ferro e f argilîa di quella statua di
Nahucco, hanno da scommettersi di per sè .
Mi sorto incontrato a leggere in un ccrto
autore, comc Alessandro piansc, perchè non
avea pià mondi da vincere ; il che non
gli avrebbe bisognato fare , se un acciden-
tale concorso di atomi avesse potuto creare
un mondo di nuovo . Ma una tale opinio-
ne è pià per il volgo beilua multorum ea-
pitum , che non è da un cosï savio uomo
qual fu Epicuro . E veramente tra siioi se-
guaci quelli soltanto che hanno deviato dal-
îa sua dottrina sonosi serviti del suo no-
me ; non altrimenti che la scimia , come è
in proverbio fa della zanipa del gatto .

Comunque siasi, a guarire il maJato è
necessario la prima cosa conoscer la malat-
tia . E benchè la verit'à sia disficile a sco-
prirsi, come quella che seeondo ii filosofo■
se ne stà già nel fondo di un pezzo ; non
ha nerciò L uomo a guisa de ciechi, dcs

andar
loading ...