Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 66
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0074
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0074
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Τ Τ Ε ϊί Ε

6G L Ε

nelìa mente sua , tesoro di tante cose bel-
le . Ami im poco chi l’ama onora e stima
infìnitamente , e mi creda quale colla più
perfetta stima ec.

•k O ★ O ★ O -k O k O k O ★ O ★ O ★ O £ O k O Vc O k
A L S I G N 0 R

MARCHESE . . . .

Dresda s6. febbrajo

T »

JLj accu'SA data da quel Francese al Neu-
tono , che da Isacco Yossio egli abbia tol-
to ii suo sistema di ottica , mhavogliò già,
come io le dissi , a cercare il libro ruede-
simo de natura lucis cli quello erudito an-
tiquario e teologo : non già che mi pares-
se , aver 1 a cosa sembiante alcuno di ve-
rità ; ma per rintracciar solamente , d’ on-
de avesse potuto aver origine una tal no-
vella. Fatto è che in quel libro leggonsi
queste parole : Insunt itaque lumini omnes
colores , licet non semper visibiliter ; e leg-
gesi ancora : omnem tcnnen lucem secum co-

lores
loading ...