Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 80
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0088
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0088
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

........ e già discencle

Dagli ahissimi monti maggior ΐ ombra ,

Alle brevi, molto sottili sono le sila , oncP
ella ha orclito questa sua operetta . E per-
chè ella vegga anche più aperto , che cpuan-
îo io dico è secondo Fanirno, nè tema di
aduîazione da un uomo uso neile corti ; le
dirô schiettamente . che il risolvere Γ epi-
teto d’inertem, in due, come ella sa , non
mi iinisce in un lavoro cosi finito coine è
il suo . II diede risposia di Cesare Ottavïa-
no , per responsum dedit non mi pare cli-
gnitoso abbastanza . Eüa vedrà se responso
che è voce nostrale e del rnedesimo sen-
îimento della latina , non le piacesse per
avventura meelio . II toto divisos orbe Bri-
tannos mi riesce se non altro un po lun-
ghetto ; e il dire stando nelÎ antro erboso
per -viridi projectus in antro non atteggia
cosi bene la figura , come ella si vede at*
îeggiata nel quadro di Virgilio .

Ite mece quoitdam feiix pecus , ite capellœ ;
Non ego vos posthac viridi projectus in arUro
Dwnosâ pendere procul de rupe videho .

u
loading ...