Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 86
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0094
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0094
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ë6 L E ï T E R E

sostanza cli vino » Allora si avi à im teatro
che sia seuoia dei costumi, una satïra pun~
gente cou mollezza, e ülososicamente scher-
zosa . Ci sarà allora un’arte delia conver-
sazione , si scriveranno lettere con disin-
voltura e con grazia , la lingua diverrà ric-
ca senza eterogeneità , e pura senza afset-
tazione . Ci saran nel coro delle Muse non
solamente soprani , ma anche tenori e ha-
ritoni ; e dalla società si shandiranno i so-
netti , corne dai palagi de’gran signori si
caccian le mosche . Ghe sare intanto ?

Non ego nobüium scriptorum auditor, et ultor
G rammaticas audire tribus, et pülpita dignor.
Hinc illce lacrimæ . Spissis inciigna theatris
Scripta pudet recitare, et nugis addere pondus.

Si dovrà mostrar loro , che non sono i lo-
ro versi, se non se armoniose bagattelle ?
genus irritabile vatum , assai più che noi
sono le fibre de’ ranocchj , che étan'dosi
nell’acsjue hasse di una palude sanno sem-
pre il medesimo verso . Dietro alia vostra
scorta , e al vostro augurio ,

( Nil desperandujji Teucro duce > et auspice
Teucro )

si
loading ...