Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 90
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0098
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0098
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
go Lettere

iilli patientiüs reprehenduntur, quam qui ma-
ocune laudari merentur : ma ia vano cerca
di esser appuntato chi fa cose inappunta-
bili ; che taie veramente è la sua traduzio-
ne deiricliilio di Mosco .

Mi raüegro con esso lei , che nel tra-
durre ella abhia saputo trovare il vero la-
pis, io vo’dire il secreto di unire insieme
disinvoltura e fedeltà. Ed ognuno pur de-
ve saperle ii buon graclo , che ella arric-
chisca la nostra iioeua di bellissime forme

O

di dire , cpice e grceco fonte cadnnt.

Ess^ cV oro im panier portava Europa

Argento il corso era del JSfilo, e bronzo
La vacca , ed egli eravi d’oro Giove i

bellissîmi versi anche per cjuesto , ehe a
im puntino rispondono a’greci, se per ay-
ventura non son più belli quei due :

Copre il Dio , muta corpo , e divien toro „
Ma di sopra aer, immenso mar cli sotto,

ne’quali elia racchmde con tal grazia gli
esametri greci.

Ma che. cosa non è a iei dato , mentr’

ella
loading ...