Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
cja L E τ τ E R ë

fa di questa nostra lingua . II Davarxzati
ha mostrato ciô ch’ella poteva , coll’espri-
mere in essa quel torrente di Tacito ; ed
ella nel îrxostrerà vie maggiormente , col
rappresentarci quelFoceano di Omero. On-
de finalmente ciascu.no toccherà con ma-
no , quanto sia arrendevole e varia la no*
stra lingua , tanto perciô esaltata dal Sal-
vini ; il quale per altiO ne seppe assai me-
glio conoscer le s'orze , che non seppe per
avventura valersene nel suo stesso volga-
rizzamento di Omero . Ma da qui innanzi
potranno i nostri poeti attignere con dop-
pio profitto a quel fonte primo della vera
poesia . il più avido a bere di quelsacque
sarô certamente io ; come sarô sempre più
studioso di ogni altro in darle testimonian-
ze di amicizia e di stima.
loading ...