Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 97
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0105
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0105
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A S I E . 97

ventura , ch’ei fusse stretto da povertà a
viaggiare e ad usare con ogni maniera di.
persone ; e con ciô egli divenne geografo
e storico, potè veder la natura sotto ogni
forma , e potè conoscere le varie modifi-
cazioni delle consuetudinî e dell’arte. Di-
spregiato non fu già egli, come crede ii
volgo ; in contrario egli fu tenuto in onor
grandissimo dai grandi e dai popolo , sic-
come i cantori erano a quel tempo, e fu-
rono dipoi i Trovatori in Provenza, il che
innalza gli animi gentili e gli accende al
canto. Ancora il più bello argomento, che
sceglier si potesse per la poesia, fu trascel-
to da lui ; una guerra cioè delle nazioni
greche capitanate dal iîor degii eroi con-
tro un potentissimo regno dell’Asia . Ca-
gion della guerra è il vendicar Ponor del-
la patria comune ; e Pamministrazione del-
la guerra è in mano di uomini subordina-
ti ma liberi , clati tutti all’arini, e gover-
nati dalle più forti passioni a un tempo me-
desimo. Ed ecco dal sineolarissimo concor-

O-

so di tante felici circostanze che surse il
padre della poesia, che non ebbe innanzi
chi il superasse, nè chi l’uguagliasse di»
To: IX. G poi:
loading ...