Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 98
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0106
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0106
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
0® Lettere

poi ; la cui gloria niuno accrebbe col ïo *
darlo , nè coi biasimarlo diminui ; quello
scrittore in una parola , di cuî dice a ra-
gione Fepigramma greco :

Cantava Apollo, e gli scriveva Omero,

Qnello cbe delle conjétture di questo crù
tico inglese sia per parere a voi, non so ;
a me le pajono nîolto ingegnose , molto
probabili e beile . E me le ha fatte anco-
ra parer più belle lo studio , ehe ho ulti-
mamente posto sopra di Omero . Ed ecco»
vi , amico carissimo , reso conto cli qtieilo
che io vo facendo qui in Dresda : e se vo-
leste sapere più minutamente ancora i sat-
ti miei, vi dirô, che non mi son dato tan-
îo alla lettura , che non mi sia riprovato
anch'io di far cosa da esser letta quarido
che sia. II tempo che ho composto è quarn
do Apolio spirava ; il genere è l’epistola-
re ; ed ho scelto argomenti da risvegliare
31 gusto e piccar la curiosità deli’universa-
le . Ben vorrei vedeste alcunî versi, che
ho procurato non fossero inopes rerinn nu-
gœque canorce, non fossero in somma ver»
si da raccolta. Quanto dolce cosa e ixeces-
loading ...