Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 99
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0107
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0107
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Υ Α R ϊ Ε 4 99

süria ali'uomo in qualunque condizion di
vita non è mai lo studio delle buone let-
îere ? Egli è sempre stato la principal mia
occupazione é delizia, e nel sarà da ora
îiuianzi più che più , una volta che io mi
sia tirato in porto . E nulla inancherebbe
a’voti miei, quando al piacere dello stuciio
io potessi anche aggiunger quelîo della vo»
stra compagnia.

Nil ego prcetulerim jucundo sanus amico :

e certo che non venne mai meglio appro-
priato un tal detto . Voi fate di amarmi
lontano, se non mi è dato per ora di ab-
bracciarvi presente ; e credete, che sino
a tanto che io sarô vivente e veggente so-
pra la terra, come dice Achille , io saro
tutto vostro.
loading ...