Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 100
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0108
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0108
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
lOO L E T T E R K

A L MEDESIMO

A V E N E Z I A.

Oresda 11. febbrajo 1^47°

! versi gÜ avrete solo al mio ritorno in
Italia . In tanto io gli vo correggendo e
rafsazzonando aila meglio che io so , per-
chè vi compariscan dinanzi con più ardL
re . Vengo ora al dubbio , ehe vi rimane
intorno a quanto vi scrissi nell’altra mia «
Troppo il gran paradosso vi par questo ,
che altri ponga tra li vantaggi cli Omero
lo esser lui nato in tempo, che la Grecia
non era ripulita del tutto, e non vi era
ridotto a perfezione il governo. Le arti rî-
eevon pure aumento con raüinento della
società civile , dite voi : e perchè no an-
che la poesia? Converria dunque dire, che
Omero non sarebbe stato quel gran poeta
ch’egli è, se e’fosse verrnto a’tempi de’Pe-
ricli de’ Fidia de’ Protogeni de’ Demostenî
de’Platoni ; che vi par duretto da crede-
xe . Certamente a prima vista e’ par cosx ;

ma
loading ...