Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 106
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
io6 Lettere

im’altra disputa potrebbon muovere aî'cunî,
assai più a proposito di quello voi domanda-
te, ed io ho nsposto : vorranno per avven-
tura, che il Paradiso perduto sia da prefe-
rirsi, quanto all’argomento, alla Gerusalem-
me liberata ; poichè se ii Tasso ha cantato
il conquisto della Città santa fatto dai cri»
stiani sopra gi’infedeli; e il Miltono canta
le cagioni, perchè l’uomo dallo stato della
selicità sia caduto nella presente miseria ,
quali ce le rivela la religione . E certo teo-
iogicamente parlando eglino hanno ragio»
ne ; ma parlando poeticamente hanno ii
torto . Imperciocchè s’egli importa il tut-
to alla ragione dell’uomo a sapere il per-
chè dell’esser suo, pochissimo o niente puè
muovere la fantasia di lui il raccontar la
maniera onde ciô avvenne. Di qual dilet-
to ci possono mai essere 1 sensi mistici ie
allegorie necessarie all’argomento dei Pa-
radiso perduto , i varj ritratti di Abdieile
di Urielle di Astarotte e di Nistotte, e di
altri taii personaggi conosciuti solamente dâ
nome a’comentatori della Bibbia? E lo sîes-
so è da dirsi delle loro avventure . Non
pare a voi ; amico carissimo ? che le arth

glie-
loading ...