Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 120
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0128
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0128
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ï%0 1j 'E T T E R E

sîo ch’ella poîrà mi roandi d suo beï dram-
ma, accxô io possa abbeverarmi ai suo fon-

te : e certo io credo } che il mezzo e il

Jdne risponderanno in tutto a! bei princi-
pio che io ne vidi» lo le tra.smetto intan»
to !a mîa pistola al sig. Procurator Fosra»
rini ; e pretendo fare in questo come quei
che trafficano nel mar del snd . che riîrag-
gono un Soo» per 100. di !or capiîale. Ma
eglino aspettano que’ lor guadagni molto
tempo ; ed io avrô iî mio di qui a non

molto . Benchè mi parrà sempre troppo
lungo Taspettare i suoi versi . EÎla faccia
talora menzîone di me coa cotesta valoro-
sissima dama , di cuî se aggiungessi il no^
me sarebbe un pretto pleonasmo, Quauî©
mi duole esserne lontano !

Nè perô monte o mar che ne disgiunga
Farà y che ’l pensier mio da voi distolga· t
E daîla vostra dolce compagnia »

Sopra ogni cosa eila mi am?, e creda ? che
quanto io sono ammiratore della tanta sna
Virtù, altrett&nto sarô sempre con. tutto Γ

arnmo 0
loading ...