Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 121
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0129
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0129
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R ï E .

121

A L S t G N O R

EUSTACHIO ZANOTTI

Astronomo dell Institut©

A BOLOGNA.

Potzdam 1$. maggîo ιη/\η°

Che î! poema del Rucelîai non meritî lâ
grati fama rh’egli ha , io la sento dei tut»
îo con voi i se non che sî fatte cose con*
?ien dirsele airorecchio; fa di bisogno ri»
cordarsi , che ii Rucellai è deil’aureo se°
©olo del cinqueceuto. Non ha molto, che
io ho îetto e riletto queile sue Api con
assai di attenzione, speraado con quella
lettura di approfirtarmi in due cose , ail©
quali io aveva ailora voito i pensieri e I©
sîudio. L’una era î’artifizio dei verso scioL
to, in quanto alla varietà delle giaciture e
del numero ; l’aitra il modo.di trasportar©
gli spiriti latini ne’nostri versi voigari : e
?i confesso di non ci avere imparato gran

co«
loading ...