Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 128
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0136
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0136
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ια8 Lettere

ne scrittore , perchè l’arco è formato nè
più nè meno secondo i precetti di lui .
Era anche probabilmente liberto cli Pollio-
ne ; ed eccone il perchè . Non rnolto nu-
merosa dover essere la famiglia de’Yitru-
vj , si dee arguire dal trovarsi pochissime
iscrizioni con tal nome ; e dal trovarsi il
nome cli Vitruvio aggiunto a quello di Cer-
done, si dee arguire, che un Cerdone fos-
so manomesso da Yitruvio , essendo costu-
me , che il padrone facesse clono del suo
nome al servo, che poneva in libertà.

Cerdone era senza dubbio veronese per
la ragione, che di lui ci è un arco in Ve*
rona ; ma il padrone e il maestro sogliono
essere sempre, o quasi sempre dell’istesso
paese, che il discepolo e il servo : dun-
que , se Vitruvio Cerdone era veronese,
come si è provato, yeronese era aìtresì Vi-
truvio Pollione .

Non è egli questo il re dei paralogismi?
E se fosse convenuto a Moliere porre qua-
lunque de’ nostri eruditi in iscena, poteva
egli mettere in bocca loro un più bel ra-
gionamento di questo, per renderlo ridico»
lo dinanzi a tutta la posterità?
loading ...