Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 156
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0164
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0164
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ί 56 L Ε Τ Τ Ε R. Ε

cia. Ε ciò sorse avviene per la ragione me-
desima, che le figure dei cammei e degli
intagli greci disegnate dallo istesso Bouchar-
don non lianno quella purità dell’antico?
che si ravvisa nei disegni de’nostri Zanet-
ti, o Santi Bartoli ; ma pajono venire , di-
rò così, dalla scuola di Marcel. Semplicis-
sime per altro sono le iscrizìoni francesi
fatte da Racine , e da Boileau per la gal-
ìeria di Yersailles , dopo che fecero can-
cellar quelle che vi erano innanzi di Car-
pentier , di uno stile che credevasi subli·
me perchè ampolloso. E Γ

Abundantia partà ,

che leggesi sopra una delle porte di Pari-
gi (e che uno facetamente interpretava Γ
abondance partie) ; ΓInternum mare Ocea-
no junctum ; il Pyrenceis perruptis per la
presa di Puicerda ; Γ Apollo Palatinus per
ΓAccademia francese; il Tranatus Rhenus;
11 Salus provìnciarum, e simili, che sì tro-
Vano neìla storia metallica di Luigi XÎY.,
sentono del romano , e ricordano quelle
Bostre Eidus Martice, Piex Parthis datus ,
Regtia adsignata } pacato orbe terrarum, la

qua-
loading ...