Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 159
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R ï ¥. .. ï5 9'

di Terenzio_, a proposito di coloro ch-e non
Îinano di parlare di lor înedesirnî ; del

Ducite cib urhe doinum, mea carrnina, du»
cite Daphnin

di Virgilio j che si ïegge alla testa di ua
ragionamento sopra que’gentiluomini ingle-
si , che dalia campagna vengono in Lon-
dra a far del grande , e dar fondo a ogni
cosa. E nelio stesso spettatore innanzi ad
uno scritto sopra i giochetti di parole, dei>
ti in inglese pun, e sopra una sorta d’im-
presa simbolica detta rebus, leggesi quel
verso di Virgilio

Gloria se quantis attollit punica rebus ï

chenel gener suo non puô essere più felice^
Di un simile andare è quel motto di
Virgilio al Dufay , che voi non. disappro-
vaste ,

Cedamus Phœbo, et moniti meliora sec/uamur,

quan.do nella lite , che gli venne in fanta-
sia d’ imprendere contro il Neutono , fn
©itato al trihunale della esperienza. II

Persicos odi, puerapparatus

dl
loading ...