Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 160
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0168
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0168
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
16θ L E T T E R E

di Orazio fu scritto in. sul srontispisio dei-
ie lettere Persiane inglesi composte da im
giovine gentiluomo di grandissimo ingegno^,
ma dove si scorge più Faaimosità ingles©
contro al ministero , che gîi spiriti persia»
ni dei Montesquieu.

Ed eccovi ancora farina dello stesso ma»
lino . INel tempo che i Pultney, i Win»
dham , i Chesterheid , i Carteret, e g!i
Argyie facevano nei parlamenti d’Inghil·
terra a tutto potere di cacciar dal gover-
no il paffato cavaliere Waîpole, tacciando=-
lo tra l’altre, che durante ii ministero suo
scurata era ia gloria deii’Inghilterra, che
le ssotte ingiesi non erano altro che arma-
te di mostra (Show-fleets) gli iu appropria»
to quei luogo di Lucano , dove il poeta
paria di un gran m-aschio di montagna po-
sto alla marina :

ruüuraque setnper

Siat (mirum) molcs, et sylvis cequor inumbraÈo
Cum u£ valeas 9 meque, us facis, ama«
loading ...