Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 161
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0169
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0169
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V Α Ά I E

i6i

A L MEDESIMO

A BOLOGNA.

Posdammo 10. settembre iy5o.

*V erissimo quello che voi toccate nella
lettera vostra; che suîle lapidi dei più gran-
di ingegni si trovano d’ordinario i più cat-
tivi epitafsj . Per gli uomini peregrini si
mette il cervello al lambicco, si cerca ap-
punto il peregrino ; ed ecco che si trapas-
sa ogni termine , e si dà nel falso . Ghe
strampalata cosa non è mai la tanto famo-
sa iscrizione, che è sulla tomba di Raf-
faello, e che fu poi per il Kneller tradot-
îa in inglese dal Pope :

Hlc situs est Raphaël, timuit quo sospite vinci
Rerum magna parens, quo moriente mori?

All’incontro la iscrizione, che io stesso poe-
ta compose per il Sànnaz'aro ; è pur nobile
e bella:

Da sacro cineri flores : hic ille Maroni
Sincerus musâ proximus, ut tumulo *

To; IX. L E ve-
loading ...