Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 164
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0172
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0172
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ï£>4 L E T T E R E

Non cosi rigorosamente osseryo poi aîtra
regola intorno al vitto. La troppo grande
yirtù ci vorrebbe a queste tavole . Ti sono
quasi sempre messi innansi dei cattivi piat-
ti , cioè di quegli che fanno che tu man-
gi, quando tu non. hai appetito «

Helas ! Les indigestions
Sont pour la bonne compagnie .

Yorrei vedere a simili prove messer 'l.m-
gi Cornaro con tutto quanto il suo tratta-
to della vita sobria. Tuttavia , appareggia-
te in qualche modo le partite , converreb-
be osservare quella sua rigorosa dieta al*
meno un giorno di cïascuna settiraana. Ot-
tima cosa è l’acqua, e sx ne bevo assai co°
piosâmente; non sì perô , ch’io non îa ta-
glia con la divina bevanda di Omero , ch©
qui ha molto più voga, come ben sapete,
che non ha Pindaro . Sebbene in oggi s’ è
dimessa quell’usanza di trincare co'beliico»
ni a tutte le padronanze di Europa , e non
viene più in tavola iì Craeas. II primo
bicchiere per me , diceva il cavalier Tem-
ple, il secondo per gli amici, ii terzo per
l’allegria, e il quarto per ii miei nexnici ;

sen-
loading ...