Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 180
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0188
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0188
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
E

ï8o L E T T E R

sentandolo ; ella maestro di ogni sorte di
eloquenza e di ogni gentilezza, e per cui
parla Fenelone in cosi bei versi toscani,

AL SJGNOR CONTE

GIO: MARIA MAZZUCHELLI

A B R E S C I A .

Berïino ιη. marzo iy5i,

C^uanto io sia stato üno ad ora poco
contento deiie cose roie, ne fanno abbastan-
za fede i tanti mutamenti che io ci ho
fatti dentro : e se mai ho desîderato di ri-
durre con più solerti studj i miei lavors
perfetti ; io Γ ho desiderato , dappoich’ eL
la si è compiaoiuta signiücarmi il suo di-
segno di voler nella sua grand’opera cho
ha tra mani registrare anche il mio nome.
Che io pur vorrei, signor Conte, rispar-
miar fatica alla sua penna ! Tutte le cose
mie io gliele ho mandate, perch’elJa ne
facçia giudizio, Quella operetta in versi so^

pm
loading ...