Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 187
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0195
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0195
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Υ Α R I Ε . i8y

arte di Armida. Che debbo poi dirle del~
le cene del Re? Elle mi fanno bene spes-
so sovvenire di quella cena data da Cice»
rone a Giulio Cesare, dove, come ne rag-
guaglia egli medesimo Γ amico suo Attico,
ebbevi di assai piacevoli discorsi, e φιλολν-
yx multa. Tra quelli a'quali è dato sedere
a questa mensa uno è colui,

Descripsit totum radio qui gentibus orbern ;

che orna e rischiara quella terra che mi-
surè, come di esso lui fu cantato ; che ha
un certo suo particolar modo di vibrare
gl’ ingegnosi suoi concetti, e un cosi sino
sentimento nelle cose scientisiche . Ed ora
ci si trova quel raro spirito di monsieur
deYoltaire; che sidirebbe, una cena sen-
za lui esser quasi un anello senza gemma.
Udirlo e leggerlo è una cosa. I pensieri
gli spruzzano di bocca vivi e frizzanti, co-
me da'corpi elettrici per eccesso e stuzzi-
cati escon faville e fiocchi di luce. Non è
mai, che quel tesoro di tutte le cose la
memoria nol trovi aperto a ogni suo piaci-
mento ; e la sua ricchezza non è in cedo·»
le, ma in bel contante. II Re

Fattor
loading ...