Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 195
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0203
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0203
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R. I £ . igS

Ψ-er rinunziare al Neutono . Simile fu il
sig. Daniello Bernulli, clie ïion volle per
niun conto darsi la briga di por mano a’
ealcoli; e ben ella puô credere ch’egli eb-
bero per compagni tutta Inghikerra, che se
îie stava tranquiilamente a yedere tutti que-
sti moti. Ma la senti ben altrimenti il si-
gnor Eulero di questa nostra Accademia ·,
il quale era venuto anch’egli per varie stra-
de alla medesima conclusione del sig. Glai-
raut. E se îa Francia non poteva vantarsi
cÜ aver tirato daila sua un neutoniano (che
il sig. Eulero medesimamente nelb ottica
si discosta dai principj della scuola ingle-
se ) poteva perô vantarsi di aver dalla sua
il primo calcolatore della nostra età. Tale
fu la traversia, donde fu da ogni parte as-
salito il sistenaa neutoniano, quando il cie-
lo comincìò a fai'si più mite e benigno.
Gli scrupoli vennero di buon’ ora al sig.
d’Alembert, ed egli li comunîcô per let-
tera al signor di Maupertuis, al quale poi
rnandô la vera soluzione del problema con-
forme in tutto a’principj neutonìani. E il
signor Clairaut dopo goduti per quasi due
interi anni gli onorx del trionfo venne all’

N 2

acca-
loading ...