Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 202
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0210
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0210
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SO Z L E T T E R £

Notissima è la comparazione 5 che fa i!
Gravina del sonetto al letto di Procuste ;
e il cavalier Temple deH’ottimo governo,
in cui tutti gli ordini dello stato hanno par-
te col re alìa testa, alla figura della pira*
mide la più ferma di tutte, che con una
gran base posa in terra, e termina in punta .

Come la donna gravida e vogliosa in quel»
ia parte che tocca fa lavoglia; cosi io de-
siderando te mi toccai il cuore, e tu vi
rimanesti impressa.

TJ avare est comme ces amans , qa un ex~
cés d amour empéche de jouir.

Dagli autori profani, dice ingegnosament®
un santo Padre, se non erro, egii ti basti
prendere la eîoquenza di parlare, e gli or-
namenti della Jingua come spoglie da’ne-
mici .

I librî nel tempo, ( mi scrisse un tratto
in bei versi il mio milord Hervey, ch’ el-
la avrebbe pur amato, ed egli lei ), sono
come i telescopj nelîo spazio; cosi gli uni
come gli altri ne avvicinano gli oggetti lon-
tani.

Per ben condurre gli afsari dî stato, di-

ce
loading ...