Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 215
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0223
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0223
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V Α Ά î Έ * 'é 15

ciuce tuttavia frutta, nou di così sorte sa-
pore, come ìe ìngìesi, ma di ottimo nu-
trimento. Compariscono in Parigi giornal-
mente in pubblico romanzetti e novelle , egli
è vero ma vi eompariscono ancora libri
da uso in gran copia che istruiscono vera-
mente e servono poi di condimento alle
conversazioni : e non vi è altra nazione che
la francese , la quale vantar possa opere si-
mili alla storia antica del Rollin, al teatro
de’Greci del padre Broumoy, alle lettere
ad Attico dell’abate Mongault, aìle provin-
ciaìi, al compendio del presidente Hainaut ;
terso e fedelissimo specchietto della storia
francese. Che faremo noi altri Italiani ser-
vi e divisi? Le produzioni d’ingegno ten-
gono in grandissima parte anch’ esse della
costituzione politiea, secondo cui sono or-
dinati i popoli . La importanza di quelle
tien dietro alla perfezione del governo „ Non
si potrebb’egli dire che gl’Inglesi con la prov-
visione di polvere che egli hanno , dan fuo-
co a’più gran pezzi di artiglieria, e i Fran-
cesi ne fanno delle salve di mortaletti ?
Agl’Italiani viene in gran parte bagnata la
poìvere ch’egli hanno in capitale, e cou

O 4 queì
loading ...