Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 226
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0234
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0234
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

&2G

ALL'ABATE

CARLO INNOC. FRUGONI

A P A R M A .

Potzdam i5. ottobre ιηΒζ,

C^uanto più è cosa rara che l’uno arte»
hce renda giustizia all’altro, tanto più rai
è piaciuto legger le lodi del Metastasio nel-
la ultima lettera vostra. Dice graziosamen»
te Yoltaire , che il nostro Ramazzini, quan-
do scrisse de morbis artificum, ha laseiato
nella penna il più universal morbo di tut-
ti ; quel verme cioè dell’invidia, da cui
sono consumati più o meno tutti quanti gli
autori l’uno in verso dell’altro . E sono pur
troppo singolari gli esempj di amicizia si-
mde a quella, che stringeva insieme quel-
le anime gentili di Luca d’ Olanda e di
Alberto Durero, e deH’Hallejo e del Neu-
tono, del Petrarca e del Boccaccio, e no-
vellamente delI’Attilla e del Pergolesi. Ma
con efsetto il poema dei nostro Metastasio

avrebbe
loading ...