Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 234
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0242
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0242
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
'2^4 L E T T E Ά E

forse il soio, che a suoi compatrioEi cless©
l’esempio di ben accogliere le verità, che
venivan îoro da paesi sorestieri, conferman-
do, come egli fece, con nuove sperienze
la bella scoperta del nostro Torricelli. Co-
loro , che in Francia davano sede a trova-
îi deli’Arveo, erano chiamati circolatori ;
e senza il celebre memoriale burlesco di
Despreaux, il Parlamento di Parigi avrebbe
decretato contro alla siîosoiia moderna .
Quanti travagli non ebbe a sostenere, non
sono ancora raolt’ anni passati, il Mauper-
tuis, per aver voiutQ trapiantare în Fran-
cia ie dottrine inclesi ? E non era solito

O

dire ii Fontenelle, che le convulsioni e P
attrazione eran Fobbrobrio delsecolo? Con-
tro l’ottica del Neutono insurse.ro già Ma-
riotte eDufay; e vi si grida tuttavia con~
üro, e quasi quasi con Γ approvazione delP
aecadernia delle scieuze. Ma finalmente è
stato loro forza sottomettersi alle dottrine
inglesi, come diauzi a quelie del Galilei,
ehe levô primo la insegna delìa vera filo»
sofìa ; con tutto che abbia mostrato il lor
Cartesio di tenere in cosi piccioi conto i
■Tovati del nostro Lincéo.

Psima
loading ...