Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 240
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0248
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0248
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
à4° L E T T E R E

iegni, a tal tempo che i Colombi francesi
non altro faceyano che radere le coste del»
la Provenza e della Bretagna. Nè già stet-
tero oziosi i Yeneziani: un Zeno scoperse
la Groenlandia ; Gabotta alcuni tratti delF
America settentrionale, gittando i fonda-
inenti di quei gran traffico che vi fanno
ora gl’Inglesi; e quasi nel tempo medesi-
mo un Foscarini, che si trovava in Inghil-
terra, gittô i fondamenti del famoso ban-
co di Londra .

Assai nuove saranno per riuscire molte
di tali cose anche agl’Italiani medesimi ;
tanto è il clamore che levano anche tra
noi i libri francesi. Ad essi si ha ricorso
per ogni maniera di studio ; essi soli si leg-
gono, ad essi si dà fede, ed essi non man-
cano di decantare il più che possono la lo-
ro nazione per inventrice di ogni cosa :
quando le sole scoperte , di che le abbia-
mo obbligo veramente, sono l’analisi car-·
tesiana, e il condotto chilifero trovato-già
dal Pecquetto ; chi non volesse per avven-
tura anco annoverare tra le scoperte îa le-
gatura dei vasi, del qual metodo si servi
il primo nelie emorragie in yece de'causti-
loading ...