Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 259
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0267
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0267
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ï E .

V A R I E . 2^9

sario allo scioglimento della favola ; come
colui, che viene a recar l’annunzio della
morte di Polibio, e a rivelare ad Edipo
come egli contro alla comune credenza e
alla sua propria non era altrimenti figliuo-
lo del medesimo Polibio. Pare che arrivî
sul principio dell’atto 1Y. , perchè appun-
to fa mestieri al poeta di confrontarlo a
tal tempo conForba, da cui Edipo era sta-
to esposto sul Citerone ; ed operare per tal
via la ricognizione , fine ultimo clel dramma .

Non so, signor marchese, se in questo
oaso abbiasi di Sofocle a dir quello , che
di Omero dice Pope nel saggio sulla criti-
ca : spesso quello che pare errore è strata-
gemmaj non è Omero che dorme , sei tu
che sognî»

Those ofiare stratagems that errors seem ,
A'or is it Ilomer nods, hut we that dream„

Forse che per meglio imitare îa natura, ©
reader Pazione più simile al vero , conve-
niva lasciare alcuna cosa nell’arbitrio del
caso ; il quale pur entra, ed ha tanta par-
ΐβ nelle umane azioni, secondo che appa-
l”isce almeno agli occhi degli uoraini. Co-

R a û
loading ...