Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 261
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0269
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0269
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Υ Α Β, I Ε . ζβΐ

11 terrore, e ηοη aguzza, dirò così, que?
due dardi, con che tanto dolcemente Mel-
pomene ne ferisce il cuore ? Certamente
quella tragedia è una delle meglio ordite
favole, che siensi vedute dagli antichi in
qua. E non pare a lei, signor marchese,
che si potesse dire al Lazzarini,

Soia sophoclceo tua carmina digna cothurno ?

Quanto poi alla dimanda, ch’ella mi fa
nel poscritto deìla sua lettera, intorno al
libro dell’abate Bressani contro al Galileì,
le dirò che il manoscritto non mi fu al-
trimenti mandato a Beriino, come alcuni
suppongono ; ma che arrivato in Italia ver-
so la ixne del passato inverno io trovai
che il libro era già stampato . Ella conti-
nui, sig. marchese, ad amarmi, a rispon-
dere agl’inviti delle muse, e ad esser Ro-
scio in ogni cosa che vuole.
loading ...