Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 262
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0270
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0270
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L. E T T. E R E

A L S I G N O R

C O N T E N. N.

A P A D O V A .

P enezia 10, gennajo

JNs o N saprei dirle con quanto mio piace-
re io abbia letto Fingegnoso suo scritto,
dov’ ella mostra, signor eonte, quanto a
bene scrivere in prosa giova il saper fas?
versi ; come a ben camminare , avere appre-
so il bailo. Quelle annotazioni che io ho
creduto doverci fare, le troverà qui an-
nesse. Aleune ce ne sono sopra ia lingua-j
in cui pur si conosce ch’ella vi ha posto
moltissimo studio. Ma questo studio non
si dovria conoscere. Queila tanto espressa
puritàquelie ricercate particelle , quelle
cosi esatte connessiqni çisaltano un po’trop-
po, mi permetta il dirlo ; si vorrebbono
sfumare conunpo’più di sprezzatura. Non
basta che il pittore sappia la notomia; bL
sogna ancora clie nel dipingere sappia ram™

mor-
loading ...