Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 272
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0280
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0280
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
272 L E T rr E R E

Corelli, e ricordar lo stiie di Rasfaello ©

dei Petrarca .

*0*0*C*0*0*0*0*0*0*0*0*0*
A L S l G N O R

ABÀTE FRUGONI

A P A R M A .

Venezia 37, febbrajo 1754»

Se è vero clie tra ia pitjtura e la poesia
ci abbia una cosi stretta paienteia, quale
la pongon coloro , che megi.0 ia natura co-
nobbero di queile; niuno potrà ai pari di
voi giudicar di cose attlneuti a pittura, In
voi onora l’italia uno de’ maggiori suoi poe-
îi ,* e ne’ vostri versi ci si vede il caido e
saporito coiorire del vostro compatriota Ga®
stigiione , Delie maniere di varj rnaestri,
φ anche oltramontani, compose egli quel
pellegrino suo stile; e i erudito impasto dal
vostro sente dei iare de’m Obon, e singo-
larmeate di Orazio } il quai yi rende cosi

fel.i-
loading ...