Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 273
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0281
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0281
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ύ Α R I Ε .

felicemente audace nella nostra lingua , co~
me egli era nella sua . Gome egli era al
suo tempo, voi pur siete caro alle donne
gentilis siete onorato da’principi; e potre-
ste voi ancora intitolarvi a ragione mae-
stro della lira italiana. Continuate ad ani-
mare le languide nostre Muse ; e di quan-
to io scriyo nelle nostre arti siate giudice
sovrano .

A L S I & N O R

JST. N

Venezia 4· maggio 2754»

Jf>EN m’accorsi clie voi vi maravigliaste
oltre modo l’altro dì quando ini venne det-
to nel discorso ch’io credeva, che Pope
avesse uguagliato Orazio nelìe imitazioni ch’
egli ha fatto di alcune satire e pistole di
queì poeta sovrano. A voi parve che que-
sta asserzione fusse effetto del mio troppo
grande amore per lo poeta inglese, e di-

To: IX.

s

ciam
loading ...